ABBIAMO GOVERNO E MINISTRO

Avrei qualche sassolino da togliermi…ma lascio che il dolore arrivi al punto giusto.

Da qualche giorno abbiamo un governo.

Può sembrare una cosa scontata, ma in realtà non lo era fino a qualche giorno fa.

Questo vuol dire che abbiamo un nuovo interlocutore a Viale Trastevere. Si tratta di un uomo della lega, docente, poi dirigente e infine  provveditore a Milano. Quello che è certo che è molto amico del sottosegretario Giorgetti. Peccato per l’amico Mario Pittoni, che da anni si occupa di scuola ed è stato uno dei principali interlocutori degli ultimi anni e con il quale abbiamo condiviso diverse battaglie. Sembra tanto un colpo basso e non  vorrei che fosse per una questione di titoli e curriculum. Lo aspettiamo sottosegretario.

Dispiace anche per Salvatore Giuliano, che di certo avrebbe dato più vigore al cambio di prospettiva, visti i risultati del suo Istituto a Brindisi. Per non parlare dell’interlocuzione prossima con Silvia Chimienti e Michela Montevecchi. Anche per loro speriamo in un posto da sottosegretario.

Ieri ho avuto una comunicazione con il Dirigente del USR Toscana, il dott. Fabio Pagliazzi, su diverse questioni. La prima riguarda le difficoltà di reperire docenti abilitati al fine di per poter costituire le commissioni ed espletare il concorso bandito con D.D.G. 85 dell’1 febbraio 2018, per il reclutamento del personale docente nella scuola secondaria di I e II grado.  Come sapete con la nota del 23/04/2018 era stata prorogata la data per far pervenire le adesioni al 28 aprile 2018 ma poco è cambiato, essendo arrivate solo un paio di altre candidature.

L’ufficio resta quindi in attesa di ulteriori candidature, senza le quali il concorso per alcune CdC non può essere espletato. L’ufficio ci conferma che vengono inviate continue richieste ai dirigenti scolastici per far si che vengano invitati tutti i docenti dei plessi a dare la loro disponibilità. A questo proposito si è detto personalmente lieto se anche le associazioni, i sindacati e le RSU si attivino affinché diano un loro contributo nella ricerca di presidenti, commissari, aggregati e segretari.

Per cui a nome dell’ Associazione CDP chiediamo a tutti voi di invitare e chiedere ai colleghi nelle vostre scuole di darci una mano per espletare la procedura concorsuale in tutte quelle discipline ancora non istituite.

Ho chiesto a tal fine se fosse stato possibile utilizzare una deroga ai requisiti richiesti dal DM 995 del 15/12/2017 che all’articolo 12 comma 1 che prevede il requisito dei 5 anni di ruolo sulla disciplina da valutare, così come già accaduto nel 2016. Ad esempio la possibilità di accesso a docenti in ruolo con meno di 5 anni di servizio o docenti non in ruolo o nell’anno di prova che abbiano comunque maturato già 5 anni di servizio a tempo determinato sulla disciplina.

Il dott. Pagliazzi mi ha confermato che per questo ci vuole una circolare o decreto del MIUR e, non essendoci un ministro, non è possibile effettuare ad oggi tale modifica. Mi ha però confermato che a Roma gli hanno fatto sapere che è già pronta una modifica per un’eventuale deroga così come è accaduto nel 2016.

Per quanto riguarda invece la questione per l’estrazione della traccia mi ha detto che tale facoltà sarà decisa direttamente dalla Commissione, pur riconoscendo molto valida la modalità già adottata da diverse commissioni che prevedono l’estrazione della traccia della commissione e invio della stessa per mail.

Ho anche posto un’altra questione delicata, che spero venga affrontata e che evito di esporre pubblicamente per “privacy”.  La notizia positiva che leggo dal sito ufficiale del USR di ieri è che a quanto pare la questione è stata affrontata e…risolta.

Restiamo in attesa, godendoci un paio di giorni di pace prima dei prossimi giorni di fuoco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *